GEST S.p.A. - Via dell' Unità d'Italia, 10 - 50018 Scandicci (FI) - fax 055 7352 203 - info@gestramvia.it

Capitale sociale euro 2.000.000,00 int.vers. - R.E.A. FIRENZE 548117 - C.F. e P.IVA 05452730483

L'ad di Gest e il bilancio di 8 anni di lavori: rispetteremo i tempi

30/3/2018

 

La Nazione Firenze - 30 Marzo 2018 - di CLAUDIO CAPANNI

NELLA SUA TESTA c'è una data: domenica 1 luglio. Quel giorno si terrà il viaggio inaugurale della linea 3 Gareggi-Stazione: 4,1 chilometri, 12 fermate, 2 tunnel per le auto, 49 mesi di lavori. Il mese scorso, Jean Luc Laugaa, amministratore delegato di Gest e membro del cda di Ratp Dev Italia, ha compiuto il suo ottavo anno a Firenze. Ci arrivò nel 2010 da Parigi per seguire la costruzione degli altri 9,4 chilometri di binari. Alla prima corsa, attesa da 8 anni, mancano 90 giorni.

Laugaa, sarà emozionato.

«Sì».

Cosa farà appena Sirio muoverà i primi passi?
«Prima di tutto verificheremo che funzioni tutto al meglio».

Ma le ditte rispetteranno la promessa?
«La linea 3 che poi è il prolungamento della 1 partirà il 1 luglio, mentre la linea 2, viaggerà dai primi di settembre. Salvo imprevisti. Faremo di tutto per rispettare l'impegno, ma molto dipenderà dai cantieri. Noi in Gest lavoreremo anche la notte».

In che senso?
«Da aprile scatterà il collaudo dei nuovi convogli. Lo faremo sulla linea 1 dalla sera fino alle 4 di mattina».

Pali e tralicci in stazione, invece, non si possono tagliare?

«No...».


In piace Massena, a Nizza, per un tratto la tramvia è wireless. Non potremmo copiarla?
«Sono scelte che risalgono al 2002, a quando fu fatta la gara per la realizzazione della tramvia. All'epoca era previsto, ma solo per il tratto Duomo-Martelli. Ma poi quella scelta fu cancellata».

Bici. C'è chi chiede più spazio.

«Riceviamo molti reclami contro le bici. Spesso è un problema di civiltà: salgono quando piove e non sono assicurate bene. Quindi bagnano e cadono sui passeggeri o non rispettano gli orari di salita. Il numero di bici trasportate sarà lo stesso di ora».

 

Giorgetti ha promesso nel 2019 i binari in Libertà e San Marco: niente tram sotto al centro.
«Una scelta giusta, specie se la linea sarà prolungata fino a Bagno a Ripoli, in modo da collegare anche l'entrata della città da sud».

Quanto manca ai lavori per la "linea 5" per Bagno a Ripoli?
«E' una scelta che deve fare il Comune. Spero venga fatta prima possibile in modo da collegare con la tramvia tutte le entrate e uscite dalla città. L'unico tratto contrattualizzato è quello per piazza della Libertà e S.Marco: lavori poco impattanti e rapidi».

Torniamo all'inaugurazione. Ci sarà un viaggio gratis? «Ne parleremo col Comune. L'importante è far bene da subito».
II biglietto rincarerà a 1,50. «L'aumento è stato sancito dalla Regione e gli incassi andranno ad Ataf. Le persone continueranno a prendere il tram: con le nuove linee si stima che saranno 40 milioni ogni anno».

Cosa cambierebbe?
«Niente. E' un servizio affidabile, comodo, ecologico e sicuro. Con le nuove linee Firenze sarà una città europea a tutti gli effetti: meno traffico e smog, spostamenti più veloci migliorano la vita».

Please reload